COSA SERVE PER SOSTENERE IL
CAMBIAMENTO? - 6

Vediamo insieme quali sono i fattori che aiutano
un'organizzazione a cambiare e a mantenere nel tempo
le modifiche apportate

cambiamento-fattori

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

(Prima parte)

(Seconda parte)

(Terza parte)

(Quarta parte)

(Quinta parte)

Pianificazione

Il ruolo chiave della pianificazione durante un cambiamento è quello di preparare l'organizzazione ad affrontarlo al meglio.

La pianificazione va utilizzata bene perché si tratta di mettere nero su bianco cosa bisogna fare e di stilare un'ipotesi sulle tempistiche di svolgimento di ogni azione con la più grande precisione possibile.
Il ragionamento che sta alla base della preparazione della pianificazione non può essere superficiale perché, più accurato sarà il piano per cambiare, maggiore probabilità avrà il cambiamento di avere successo e di consolidarsi positivamente all'interno dell'organizzazione. Se, al contrario, le persone capiranno che la pianificazione è solamente di facciata e che non verranno utilizzati strumenti di analisi e correzione dell'errore nel malaugurato caso in cui dovessero esserci dei ritardi nell'implementazione del cambiamento, penseranno che alla Direzione non stia abbastanza a cuore ciò che, invece, a parole caldeggia in ogni riunione.

Se impostata bene, la pianificazione può essere utilizzata come strumento di controllo dell'avanzamento del progetto di cambiamento. Strumento strategico, dunque, ma calato nell'operatività quotidiana.

Una pianificazione troppo campata per aria e lontana dalla realtà otterrà come unico effetto quello di scoraggiare le persone alle quali si sta chiedendo di cambiare.
Pianificare senza poi cercare un riscontro nella realtà degli indicatori, infatti, è del tutto inutile.

Un'altra cosa alla quale prestare attenzione è che non ci sia troppa carne al fuoco quando si fa una pianificazione. Se il piano che si sta preparando, infatti, va a sovrapporsi ad un altro, magari con risorse che necessariamente devono essere condivise, rischiamo di non centrare né gli obiettivi della prima pianificazione, né quelli della seconda.
Le persone e il budget che avete a disposizione non sono in grado di sostenere tutti i progetti di cambiamento che vi passano per la testa. Selezionate i più urgenti e quelli dai quali credete di avere un ritorno maggiore e concentratevi solamente su di essi.

In ultimo, per pianificare bene occorre conoscere le persone che dovranno svolgere i singoli compiti per poterle utilizzare al meglio all'interno del progetto di change management. Sfruttare le competenze, le idee e l'energia dei singoli serve per riuscire a calare il cambiamento all'interno dell'organizzazione come qualcosa che sia veramente utile e non rappresenti soltanto una semplice rottura con ciò che si faceva in passato.

Il budget

Accanto alla pianificazione deve esistere un'idea chiara relativa alle risorse che possono essere dedicate al progetto di cambiamento.

Per ogni organizzazione, le risorse sono finite e dovranno - quindi - essere ripartite con grande attenzione, avendo bene in mente la vision che sta alla base del cambiamento che si vuole ottenere.

Cercare di cambiare senza dedicare abbastanza risorse al sostegno del progetto, è del tutto inutile.
Lo spirito che deve guidarci nella stime delle risorse necessarie da stanziare per il progetto è quello del ROI, "Return On Investment".

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

(Settima parte)

PER SAPERNE DI PIU':

Imparare a gestire un cambiamento per costruire un SGQ
I driver del cambiamento
Change management: le regole del cambiamento
La resistenza al cambiamento
Aiutare e supportare il cambiamento


cerca nel sito