SIX SIGMA E CULTURA

Staff di QualitiAmo

Alla base dell'implementazione del Six Sigma deve esserci una buona cultura aziendale

six sigma


Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Il Six Sigma funziona dove c'è cultura

Il Six Sigma, tra le altre cose, serve a creare una cultura della Qualità diffusa tra tutte le persone che lavorano all'interno di un'organizzazione.
Una cultura aziendale diffusa si basa su una struttura che permetta ad ogni lavoratore di sapere esattamente cosa ci si aspetti da lui, quale sia il suo contributo all'interno di un sistema di obiettivi e progetti e come misurare le proprie performance.

L'ambiente in cui dovrebbe svilupparsi il Six Sigma invita a lavorare insieme serenamente, collaborando al raggiungimento degli obiettivi.
Per farlo adeguatamente, occorre che ognuno sia formato per il lavoro che deve svolgere e abbia a disposizione gli strumenti che gli servono per poter lavorare bene.

Il Six Sigma è una metodologia orientata ai risultati, nutrita dal miglioramento continuo e focalizzata sulla soddisfazione del cliente.

Sapete come definì la metodologia Bill Smith nel 1989?: "Buonsenso organizzato".

Ma vediamo ora quali sono i sei elementi che contribuiscono a trasformare un'organizzazione in un'organizzazione che condivide al suo interno una cultura Six Sigma:

  • riconoscimento dei risultati e sistema premiante
  • formazione
  • misurazioni uniformi
  • comunicazione
  • facilitatori
  • Direzione convinta di quello che sta facendo

Il riconoscimento dei risultati e il sistema premiante

Il sistema premiante è un sistema che celebra il raggiungimento dei risultati di un gruppo di lavoro o di un reparto.
Ovviamente battere le mani e urlare "bravi" non può bastare e sarebbe bene che ai singoli successi fosse associato un bonus (denaro, incentivi, formazione speciale, gestione orario flessibile, benefit, ecc.)

Formazione

La formazione è fondamentale per implementare la metodologia Six Sigma perché occorre garantire che tutte le persone che verranno coinvolte nel progetto abbiano acquisito le nuove conoscenze e le competenze necessarie per gestire al meglio il lavoro in questa nuova ottica.

Misurazioni uniformi

E' importante che in un progetto Six Sigma tutti i dipartimenti (dalla Produzione all'Amministrazione, dal Service alla Progettazione) determinino quale livello qualitativo sia accettabile per i clienti. Tutto ciò che si collocherà al di sotto di questa soglia verrà conteggiato come non conformità e misurato come performance negativa.

Facilitatori

Si definiscono come "facilitatori" i lavoratori che, avendo presentato una buona predisposizione alla comprensione della materia, hanno ricevuto una formazione speciale per aiutare gli altri colleghi nella comprensione dei dettami della metodologia Six Sigma.
In alternativa, questi facilitatori - soprattutto quelli di alto livello come i Black Belt, provengono dall'esterno e supportano l'organizzazione nel muovere i primi passi o nel promuovere progetti particolarmente complessi.

Solitamente si sceglie una via di mezzo: consulenti esterni che formino risorse interne in modo da affrancarsi, col tempo, dalla dipendenza di personale esterno per l'implementazione di progetti Six Sigma.

Comunicazione

Per creare cultura e per favorire un lavoro ben fatto in un'ottica Six Sigma, occorre imparare a comunicare bene in modo da spiegare a tutti cosa ci si aspetta dal loro lavoro e da ricevere feedback adeguati dai lavoratori.

Direzione convinta di ciò che fa

La funzione della Direzione nella creazione di una cultura che predisponga all'applicazione della metodologia Six Sigma è importantissima perché deve assicurare di veicolare i dettami del Six Sigma all'interno dell'organizzazione senza perdere di vista la motivazione dei dipendenti e le particolarità del proprio ambiente di lavoro.

Sta alla Direzione, tramite la formulazione e il perseguimento di una vision, creare la cultura che permetterà al Six Sigma di crescere. I dirigenti devono essere risoluti nel fare tutto ciò che serve per veicolare il buon funzionamento della nuova cultura aziendale, incominciando dal cambiare le proprie abitudini allineandole con le nuove regole.

Il Six Sigma non è altro che l'evoluzione del Total Quality Management, ovvero una metodologia che ci fornisce un sistema per guidare al meglio la nostra azienda in ogni sua parte.
Se analizziamo bene le tre parole che definiscono la Qualità Totale, infatti, vediamo che:

  • "total" significa "di tutti", ovvero che ogni persona deve essere coinvolta nel cammino verso la Qualità
  • "quality", in senso lato, significa soddisfare le esigenze e le aspettative della clientela
  • "management", invece, attira la nostra attenzione sull'importanza di collaborare tutti verso un obiettivo comune

Ora proviamo a spiegare che il Six Sigma è una metodologia che prevede il coinvolgimento di tutti nel soddisfare le aspettative dei clienti attraverso una collaborazione continua. Suona bene, vero?

PER SAPERNE DI PIU':

Cos'è il Six Sigma?
La metodologia Six Sigma
La metodologia Six Sigma in Italia
Gli strumenti del Six Sigma
Gli strumenti della metodologia Six Sigma: un approfondimento
Avviare un progetto Six Sigma
I dubbi sul Six Sigma
Il ciclo DMAIC
Il Six Sigma e i bisogni dei clienti
Come prosegue il progetto Six Sigma?
Le aree del Six Sigma
I benefici del Six Sigma
La mappa stradale della formazione sul Six Sigma
Le qualità che deve avere un Six Sigma Black Belt
Le cose che un Six Sigma Green Belt dovrebbe sapere
L'analisi di Kano e il Six Sigma
Il Lean Six Sigma
Il Lean Six Sigma nei servizi
Six Sigma: quella parolina magica che è la formula della massima Qualità
Cercasi ingegnere cintura nera
Imparare il Lean Six Sigma con i Lego
Un miliardario del software appassionato di Six Sigma


cerca nel sito