INNOVAZIONE: LEAN SIX SIGMA E TRIZ

Due metodologie della Qualità: Lean Six Sigma e Triz

Articolo di Moreno Broccoletti autore di un corso online sulla metodologia Six Sigma

triz

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Come è noto, dall’unione delle metodologie Six Sigma e Lean Manufacturing nasce la Lean Six Sigma. Tale metodologia è ormai ampiamente diffusa soprattutto nelle grandi multinazionali dove gli operatori entrano a far parte di una struttura gerarchica piramidale.
Questa struttura è composta da livelli, ciascuno idealmente identificato da una cintura (Yellow Belt, Green Belt, Black Belt) e ad ognuno dei quali si accede previo un corso obbligatorio.
Nell’ambito della Lean Six Sigma sono stati sviluppati numerosi strumenti che accompagnano gli operatori lungo le cinque fasi del ciclo DMAIC (Define – Measure – Analyse – Improve - Control).
Un progetto Lean Six Sigma nasce dall’esigenza di risolvere un problema attraverso la riduzione della variabilità associata ai processi. Esso si sviluppa sulla base dei requisiti del cliente che, una volta individuati, rappresentano la guida fondamentale da seguire.

Ci sono casi, però, in cui la metodologia Lean Six Sigma, da sola, non è sufficiente a soddisfare le richieste del mercato. E’ questo ad esempio il caso di un prodotto che, pur essendo il risultato di processi sotto controllo, non trova più il consenso dei clienti.

Triz (acronimo del russo Teoriya Resheniya Izobreatatelskikh Zadatch), è una metodologia studiata per la soluzione inventiva dei problemi. Nata dall’analisi di centinaia di migliaia di brevetti, essa codifica il processo inventivo ed identifica il percorso evolutivo dei sistemi tecnici. Alla base della metodologia Triz c’è il concetto di idealità di un sistema, inteso come rapporto tra la somma dei miglioramenti e la somma dei peggioramenti che questi comportano in altri ambiti. L’evoluzione di un sistema tecnico è sempre legata all’aumento del suo grado di idealità. Triz, a differenza della Lean Six Sigma, prima di affrontare un problema specifico, lo astrae rendendolo conforme ad un problema noto, del quale già si conosce il percorso evolutivo.
E’ facile comprendere che dall’unione delle tecniche Lean six Sigma con quelle Triz nascono nuovi e più potenti strumenti.

Vediamo di seguito un esempio:
Uno degli strumenti più importanti della metodologia Triz è la Matrice delle contraddizioni: una matrice 39X39 che associa ad ogni coppia di valori (caratteristica da migliorare; conseguente peggioramento), un insieme di principi inventivi che possono fornire la soluzione della contraddizione.
Come sappiamo, la matrice di correlazione tecnica della classica House Of Quality individua gli ostacoli tecnici che impediscono il completo e contemporaneo soddisfacimento dei requisiti del cliente. Allo stesso tempo però questo strumento rimane inerte nei confronti di queste contraddizioni. Grazie alla Matrice delle Contraddizioni Triz ogni ostacolo può essere agevolmente rimosso con una soluzione inventiva (Fig.1):

lean six sigma triz

PER SAPERNE DI PIU':

Cos'è il Six Sigma?
La metodologia Six Sigma
La metodologia Six Sigma in Italia
Gli strumenti del Six Sigma
Gli strumenti della metodologia Six Sigma: un approfondimento
Avviare un progetto Six Sigma
I dubbi sul Six Sigma
Il ciclo DMAIC
Il Six Sigma e i bisogni dei clienti
Come prosegue il progetto Six Sigma?
Le aree del Six Sigma
I benefici del Six Sigma
La mappa stradale della formazione sul Six Sigma
Le qualità che deve avere un Six Sigma Black Belt
Le cose che un Six Sigma Green Belt dovrebbe sapere
L'analisi di Kano e il Six Sigma
Il Lean Six Sigma
Il Lean Six Sigma nei servizi
Six Sigma: quella parolina magica che è la formula della massima Qualità
Cercasi ingegnere cintura nera
Imparare il Lean Six Sigma con i Lego
Un miliardario del software appassionato di Six Sigma
Triz: tecnologia per innovare
Come può aiutarti la Triz?


cerca nel sito