IL RUOLO DELLA CHECK LIST NEGLI
AUDIT ISO 9001

Quale ruolo gioca la checklist in una verifica ispettiva?

Prendiamo spunto da un documento ISO per capire qualcosa di più su uno strumento utilissimo durante gli audit: la check list.

Check list audit

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Prendendo spunto dal documento preparato dall'ISO 9001 Auditing Practices Group Guidance, dal titolo: "The role and value of the audit checklist", torniamo sull'argomento checklist per esaminarne l'utilità durante lo svolgimento di un audit ISO 9001 ma, soprattutto, la necessità.

Partiamo facendovi subito una domanda: come fate ad assicurarvi che la verifica ispettiva interna che state preparando copra tutti i requisiti indicati nella norma? Pensate che uno strumento come la checklist possa essere utile al vostro scopo anche per risparmiare del tempo?

Nel paragrafo 6.4.3 della ISO 19011, si specifica che documenti come la checklist e un piano dell'audit "possono" essere inclusi nelle fasi di preparazione della verifica ispettiva.
Viene anche specificato che l'uso della checklist e di eventuali altri moduli non deve limitare le normali attività legate all'audit ISO 9001 che possono variare in base ai risultati e ai dati raccolti durante la verifica.

Una checklist, dunque, può essere un valido supporto per non dimenticare di verificare nemmeno uno dei requisiti riportati nella norma di riferimento ma non è assolutamente necessaria.
Sul fatto, poi, che una checklist possa essere più o meno utile, questo dipende da molti fattori come, ad esempio, dalle necessità che hanno i nostri clienti, da eventuali vincoli relativi a tempistiche e costi e, infine, dall'esperienza degli auditor ISO 9001.

Gli auditor, dunque, dovrebbero percepire la checklist come valore aggiunto e utilizzarla solo se la ritengono tale.

Ci sono, però, sicuramente dei motivi validissimi per utilizzare una checklist durante l'audit. Vediamo quali sono i principali:

  • aiuta a pianificare meglio la verifica
  • assicura un buon approccio
  • aiuta a seguire una strada tracciata in precedenza, portando ad un notevole risparmio di tempo
  • serve come promemoria
  • supporta le tecniche per fare buone domande e per ottenere maggiori informazioni
  • aiuta l'auditor a svolgere una verifica migliore
  • aiuta ad affrontare l'audit in maniera sistematica e a raccogliere le evidenze necessarie
  • fornisce la struttura della verifica e assicura che lo scopo dell'audit venga rispettato
  • offre un valido supporto per registrare le note e le osservazioni raccolte durante lo svolgimento del colloquio
  • diviene a tutti gli effetti una registrazione della Qualità e, quindi, la prova che l'audit si è svolto in un certo modo
  • può diventare una base utilissima per sviluppare la pianificazione di verifiche future sulla medesima area aziendale
  • può essere anticipata alla persona che verrà auditata perché possa prepararsi alla verifica

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Detto questo, ci sono, però, anche molte ragioni che spingono dalla parte possa e, cioè, a non utilizzare questo strumento. Di seguito proveremo ad elencare le più importanti:

  • può intimidire la persona che viene auditata
  • il suo focus potrebbe essere troppo limitato per identificare i problemi specifici di alcune aree
  • può contribuire ad ingessare troppo l'audit se condotto da un verificatore poco esperto che si appoggi solo alla checklist
  • non è un sostituto della fase di pianificazione della verifica che potrebbe venire trascurata
  • può creare problemi di comunicazione durante il colloquio

PER SAPERNE DI PIU':

Audit fornitori: la checklist
Da cosa dipende il successo di un audit?
Il campo di applicazione dell'audit interno
Le verifiche ispettive
Due risorse per gli audit
Due risorse per gli audit - 2
Valutare, qualificare e monitorare i fornitori
Consigli per fare bene gli audit
Come comportarsi durante gli audit
La regola dei 5 minuti
Tutti i documenti per gestire gli audit
Linea guida per audit in incognito
Terminologia: audit
I layered process audit
La checklist per i layered process audit
Audit di terza parte: come prepararsi
La tabella per valutare gli audit
La checklist per l'audit presso il fornitore
Aforismi sugli audit
Il questionario per rilevare la soddisfazione dopo lo svolgimento dell'audit
Il rapporto di audit - esempio di modulo
La pianificazione degli audit - esempio di modulo
Il piano annuale degli audit - esempio di modulo


cerca nel sito